Eczema atopico (dermatite)

L’eczema atopico, chiamato anche dermatite atopica o neurodermite, è una malattia cronica della pelle con decorso recidivante che si manifesta tipicamente nel lattante.

Una madre tiene il suo bambino, che ha un grave eczema atopico, e gli sostiene la testa con la mano.

Questa malattia è basata su una predisposizione genetica e nell’85 per cento dei casi si manifesta nei primi cinque anni di vita. Lo stato della pelle è in continuo mutamento e i sintomi possono manifestarsi in contemporanea e con varia intensità.

Cause

Le cause dell’eczema atopico sono molteplici, come predisposizione genetica, fattori ambientali e infiammazioni a livello cutaneo.

È noto che una carenza, uno squilibrio o una disfunzione delle sostanze responsabili della struttura dello strato superiore della pelle (p.es. proteine o grassi) limitano la funzione di barriera della cute, provocando una maggiore evaporazione dell’acqua e conseguente secchezza della pelle. Quest’ultima diventa inoltre maggiormente permeabile agli allergeni e ad altre sostanze presenti nell’ambiente in grado di provocare reazioni infiammatorie.

Oltre alle alterazioni della struttura cutanea, ci sono altri fattori che possono influire sullo stato della pelle, come il clima / le condizioni meteorologiche, lo stress psichico e irritanti chimici (p.es. detergenti e detersivi).

I fattori scatenanti di un attacco di eczema atopico variano da persona a persona e possono cambiare nel corso della vita. Spesso, sono diversi i fattori in gioco, ciò che complica la determinazione dell’elemento scatenante.

Sintomi

Lo stato della pelle è in continuo mutamento e può manifestare i seguenti sintomi tipici:

  • pelle secca e sensibile;
  • prurito;
  • arrossamenti;
  • desquamazione;
  • parti essudanti;
  • formazione di croste;
  • ruvidità con rilievi grossolani;
  • formazione di noduli.

Questi sintomi possono manifestarsi in contemporanea e con varia intensità. Secondo l’età, gli eczemi si presentano in punti tipici. Nel lattante, sono colpiti principalmente il viso, il tronco, le mani e i lati estensori di braccia e gambe. Nel bambino piccolo, gli attacchi si manifestano soprattutto nelle pieghe di ginocchia e gomiti, sul viso, sulla nuca e sul collo. Nei bambini più grandi, negli adolescenti e negli adulti, si osservano anche eczemi alle mani e ai piedi.

Diagnosi

Non esistono test di laboratorio in grado di accertare un eczema atopico.

La diagnosi è effettuata sulla base della summenzionata sintomatologia tipica, di un approfondito colloquio tra il medico e i genitori del bambino affetto o il diretto interessato, e di un esame della pelle. La presenza di malattie atopiche nella cerchia familiare può essere un indizio importante.

Ci sono altre affezioni cutanee che a volte provocano sintomi simili, ad esempio la psoriasi. Uno scrupoloso accertamento da parte del dermatologo può fare chiarezza.

Terapia

La detersione e la cura della pelle con prodotti adeguati sono le fondamenta del trattamento dell’eczema atopico, perché consentono di prevenire le infezioni apportando la giusta dose di emollienti e idratanti. Un preparato generico adatto a tutti i casi purtroppo non esiste.

La scelta del prodotto dovrebbe essere adeguata alla stagione:

  • in inverno, con l’aria fredda e secca, vanno preferiti prodotti più grassi;
  • in estate, con l’aria calda e umida, sono più gradevoli i prodotti con meno grassi ma a forte idratazione.

Quando lo stato della pelle peggiora nonostante una buona cura di base, spesso si rende necessaria anche una terapia antinfiammatoria a base di creme e pomate contenenti cortisone o inibitori della calcineurina / immunomodulatori.

Oggi esiste un nuovo farmaco contenente immunomodulatori (anticorpi) che viene iniettato sotto cute. Questo preparato viene per il momento prescritto soltanto ad adolescenti e adulti con una forma di eczema atopico grave e resistente alla terapia.

Molte persone affette soffrono di un forte prurito. Il grattamento induce un sollievo solo momentaneo, perché in realtà origina lesioni che a loro volta provocano prurito. La misura più importante è trattare l’eczema, e in aggiunta si può fare ricorso anche a questi accorgimenti: rinfrescare la parte che prude, indossare abiti realizzati con tessuti traspiranti e delicati sulla pelle, fare impacchi e bendaggi con tè nero, sale da cucina o pomate.

Consigli

  • Il sudore stimola il prurito. Non coprirsi troppo di notte, di giorno indossare abiti adeguati alle temperature.
  • Sempre per evitare irritazioni, indossare gli abiti con le cuciture all’esterno.
  • Evitare l’ammorbidente (sostituirlo con una piccola quantità di aceto).
  • Diverse tecniche di rilassamento (p.es. yoga, rilassamento muscolare progressivo, training autogeno) possono essere utili per gestire meglio i carichi psichici.

Cifre e fatti

In Svizzera, circa il 20 per cento dei bambini ha un eczema atopico, tra gli adulti si presuppone che il tasso sia del 4–5 per cento. L’85 per cento delle volte i sintomi fanno la loro comparsa nei primi cinque anni di vita.

Redazione: aha! Centro Allergie Svizzera in collaborazione con il Consiglio scientifico. Per cifre sulla prevalenza si rimanda alle indicazioni delle fonti.