Allergia agli acari della polvere

Gli acari della polvere sono una presenza costante negli spazi abitativi e di lavoro, con conseguenze per la salute di numerose persone allergiche.

Acaro della polvere di casa

L’acaro della polvere è un microscopico ragnetto lungo circa 0,3 mm, invisibile a occhio nudo, che vive e si riproduce soprattutto in luoghi caldi e confortevoli per gli esseri umani, di preferenza nei nostri letti.

Fattori scatenanti

Gli acari della polvere si nutrono di scaglie di pelle umana e animale. Sono tutto l’anno una fonte allergenica, e pure una componente rilevante della polvere di casa. L’allergene principale si trova nei loro escrementi, ma anche il loro corpo contiene allergeni.

Sintomi

Il contatto degli allergeni con le mucose di occhi, naso, bocca e gola fa insorgere nelle persone colpite i sintomi tipici di un raffreddore allergico (rinite allergica) o di una congiuntivite allergica: naso congestionato o che cola, starnuti, occhi arrossati che prudono. L’infiammazione delle vie respiratorie superiori può spesso cronicizzarsi, soprattutto perché il contatto con gli acari è possibile tutto l’anno.

Tipicamente, i sintomi sono più marcati il mattino e più frequenti nei mesi più freddi.

Diagnosi

La diagnosi viene effettuata con un’anamnesi completa, test cutanei ed ematici.

Un’allergia ai pollini o alle muffe può provocare sintomi simili. Le differenze si notano soprattutto in relazione al luogo e al momento in cui i disturbi si manifestano, per cui è importante osservarli attentamente.

Terapia

Innanzitutto, occorre ricoprire materassi, cuscini e piumini con rivestimenti antiacaro. È inoltre importante ridurre il più possibile la polvere all’interno dell’abitazione (cfr. Consigli). Se necessario, i sintomi possono essere trattati con farmaci, ad esempio antistaminici sotto forma di spray nasale, collirio e pastiglie.

Se le misure indicate non sono di aiuto o in presenza di un inizio d’asma, l’allergologo può raccomandare un’immunoterapia specifica (desensibilizzazione).

Consigli

  • In casa, tenere una temperatura di 19–21 °C e un’umidità relativa massima del 50 per cento.
  • Arieggiare brevemente e con regolarità tutti i locali, soprattutto quando fa freddo.
  • Lavare la biancheria da letto ogni settimana a 60 °C.
  • Ricoprire i materassi con rivestimenti antiacaro.
  • Ricoprire cuscini e piumini con rivestimenti antiacaro o, se lavabili, metterli in lavatrice una volta al mese a 60 °C.
  • In vacanza / viaggio portare con sé lenzuoli o sacchi a pelo antiacaro.

Cifre e fatti

In Svizzera, l’allergia agli acari della polvere colpisce il 6 per cento dei bambini e degli adulti.

Esistono circa 40’000 specie di acaro, ma alle nostre latitudini sono soprattutto due quelle rilevanti come allergeni. Un acaro produce ogni giorno fino a 40 minuscole palline di escrementi. Un cucchiaino di polvere della camera da letto contiene in media quasi 1’000 acari e 250’000 palline di escrementi.

Redazione: aha! Centro Allergie Svizzera in collaborazione con il Consiglio scientifico. Per cifre sulla prevalenza si rimanda alle indicazioni delle fonti.